Mercoledì 8 dicembre, alle ore 15.00, in Cattedrale, a Como, il vescovo monsignor Oscar Cantoni presiederà il rito di ordinazione diaconale. Tre uomini saranno consacrati diaconi permanenti (ovvero la loro ordinazione non è finalizzata al sacerdozio); uno sarà diacono (in vista di una successiva ordinazione presbiterale) dei padri della Congregazione della Passione di Gesù Cristo (conosciuti dai più come passionisti che, in diocesi di Como, risiedono a Caravate).

“Diaconia” significa servizio. Il diacono riceve il primo grado del sacramento dell’Ordine. Durante le celebrazioni ha una veste liturgica propria, in presbiterio ha un posto suo, ha il compito di proclamare il vangelo e può tenere l’omelia, ha l’obbligo di celebrare la Liturgia delle Ore, può celebrare la liturgia del Battesimo, benedire il Matrimonio, accompagnare alla sepoltura i defunti. Egli è un ministro di Cristo a tutti gli effetti. I diaconi, inoltre, animano il servizio della carità: non è un caso che in molte diocesi i direttori delle Caritas locali siano diaconi permanenti. Fondamentale è lo stretto legame che hanno con il vescovo. Nel rito di ordinazione diaconale il Vangelo è consegnato nelle mani degli ordinandi. Come già accennato, il diaconato permanente è un ministero non finalizzato alla consacrazione sacerdotale.

In diocesi di Como i diaconi permanenti, con le ordinazioni dell’8 dicembre, saranno 20. Il Vescovo Oscar ordinerà Giuseppe (Beppe) Menafra della parrocchia San Paolo di Como-Sagnino. Sposato con Barbara, padre di quattro figlie, lavora al servizio Caritas “Porta Aperta” di Como. Massimo Romanò è della parrocchia Santi Vito e Modesto di Cermenate (Co). Sposato con Virginia, padre di tre figli, è impiegato nella cooperativa “Si Può Fare”. Marco Gherbi è della parrocchia San Carpoforo di Delebio (So). Sposato con Alessandra, padre di quattro figli, è impiegato a Milano, in una grande azienda. L’ordinazione diaconale sarà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube del Settimanale della diocesi. Ecco il link diretto.

«Il diaconato – è la riflessione di Giuseppe Menafra – non è una professione, ma qualcosa che appartiene un po’ a tutti noi, tutti i battezzati. Va oltre il lavoro, pur avendo tante assonanze e concretizzazioni che lo accomunano ad esso, ma riguarda di più il mio modo di vivere da battezzato, che attraversa il mio essere sposato, il mio essere papà, il mio stare in parrocchia. Credo che in questo cammino fatto di tanti passaggi, dallo studio, alla preghiera, al modo stesso di essere presenti nelle liturgie, si impari a essere diacono, più che a fare il diacono».

Beppe Menafra, con la moglie Barbara e le quattro figlie

«La mia bellissima famiglia – racconta Massimo Romanò – mi ha supporto nelle decisioni che ho preso. Il mio cammino verso il diaconato si è nutrito di tanti passaggi: sia nel permettermi di approfondire la mia fede, per sostenere le mie scelte, sia nell’insegnarmi come ci si metta veramente al servizio del prossimo, stando accanto con pazienza e umiltà. Credo che l’umiltà sia la vera cifra del diacono e questo è l’augurio che faccio a me stesso, come capacità di accogliere la volontà del Signore, e accompagnare, sostenendo, chi fa più fatica e tende la mano in cerca di aiuto».

Massimo Romanò, con la moglie Virginia e i tre figli

«Nella vita – è la riflessione di Marco Gherbi – ci misuriamo sempre con il “fare”, perché è la traccia concreta che abita la nostra vita. Il successo, la realizzazione, la visibilità sono sempre espressioni di quello che si è fatto e ottenuto. Qui però siamo chiamati a essere diaconi permanenti: nel tempo che riusciamo a dedicare alla parrocchia, nel modo di vivere le relazioni in famiglia, sul lavoro con i colleghi… Sono tutte occasioni per imparare a riconoscere il Signore e il modo con cui egli ci ama. Ci sono tante situazioni che di solito mettiamo al centro delle nostre discussioni perché sono storte, zoppe, imperfette, e ci dimentichiamo che siamo chiamati a sanare le ferite, non a giudicare i fratelli. Ecco credo che se uno parte con questo spirito, poi la fatica, gli impegni che si aggiungono sono qualcosa che un po’ per volta si affronta e si supera».

Marco Gherbi, con la moglie Alessandra e i quattro figli

Il diaconato è, invece, l’ultimo passaggio verso l’ordinazione presbiterale per il passionista confr. Davide Costalunga, del Preziosissimo Sangue di Gesù. «La mia è una vocazione adulta – racconta –. Dieci anni fa, all’età di 33 anni, passando attraverso una forte sofferenza, cioè la morte dei miei genitori per malattia, e grazie all’insistenza di mia sorella, feci un pellegrinaggio dove, dopo una Santa confessione, ho vissuto un tempo di rinascita e di nuova vita, sperimentando l’amore e la misericordia di Gesù crocifisso. Il 20 giugno scorso ho emesso la professione perpetua; cioè mi sono consacrato per sempre a Gesù nella famiglia dei padri Passionisti e l’8 dicembre sarò ordinato diacono. Chiedo a tutti voi di sostenermi con la preghiera, per essere sempre di più come il Signore mi desidera».

Confr. Davide Costalunga